Tempo di lettura: 3 minuti

Un maxi blitz della Guardia di Finanza, all’alba del 5 maggio, ha portato all’arresto di 69 persone coinvolte nel traffico di rifiuti internazionale. Un’operazione che i finanzieri seguivano già dall’aprile del 2018 quando si accorsero che nel porto di Salerno avvenivano una serie di attività illecite alla luce del sole e senza essere punite.

Basta leggere il nome dell’operazione (“Tortuga”) per capire cosa accadesse nel porto di Salerno. Tortuga isola al nord di Haiti, e protagonista dei romanzi di Salgari, dove i pirati si rifugiavano per l’assenza di regole e per godere al massimo delle razzie. Ma qui non siamo nel mar dei Caraibi, e di pirati nemmeno l’ombra.

Siamo al porto di Salerno, dove ieri è stato smascherato uno dei più grandi traffici di rifiuti internazionale. La notizia, rimbalzata anche sui principali telegiornali nazionali, mette a nudo un vero e proprio sistema messo in piedi nell’area portuale salernitana.

69 gli indagati nei confronti dei quali, la Guardia di Finanza di Salerno, ha emesso eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal GIP di Salerno: 39 arresti domiciliari, 21 divieti di dimora, 9 misure interdittive dall’esercizio della professione, pubblico ufficio e pubblico servizio. Volendo scendere nel dettaglio, nei guai sono finiti 17 funzionari doganali, 6 funzionari sanitari, 22 spedizionieri doganali, 10 operatori portuali, 2 avvocati, 1 dipendente amministrativo in servizio presso la Procura della Repubblica di Salerno, 10 privati e pure un militare della Guardia di Finanza.

Ai predetti risultano contestati, a diverso titolo, i reati di contrabbando di TLE, peculato, corruzione, traffico internazionale di rifiuti e ricettazione, accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione di segreto di ufficio, falso in atto pubblico, traffico di influenze illecite, favoreggiamento personale, commessi tutti nellarea portuale salernitana. 

OPERAZIONE TORTUGA: I FATTI

Tutto comincia nell’aprile del 2018, quando la Guardia di Finanza riceve una segnalazione dall’OLAF (Ufficio europeo antifrode) riguardo il sospetto contrabbando di tabacco per narghilè, in transito per il porto di Salerno, apparentemente destinato in Marocco. Grazie alle intercettazioni audio e video, all’interno degli uffici doganali, i militari riescono ad accertare il transito di oltre 5 tonnellate di tabacchi che era stato fittiziamente registrato in uscita dall’Ufficio doganale di Salerno. Un’evasione fiscale stimata in circa un milione e duecentomila euro.

Le indagini proseguono e pezzo dopo pezzo il puzzle si compone: i sospetti dell’OLAF erano più che fondati. Nel giro di un mese sulla scrivania del procuratore Guarino finiscono ben 53 riscontri di operazioni illecite che vedeva coinvolti funzionari doganali, personale fitosanitario, spedizionieri, ausiliari doganalisti, dipendenti della società di facchinaggio ai quali, per esempio, è stato contestato il reato di peculato stante la realizzazione delle condotte in concorso con i funzionari doganali durante le attività di verifica doganale. 

Nella ricostruzione fornita dalle forze dell’ordine pare sia stato determinante il ruolo giocato dalla Direzione Centrale Antifrode e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Roma. Ma l’operazione “Tortuga” verrà ricordata soprattutto per aver smascherato un traffico internazionale di rifiuti che ha portato al sequestro di oltre 60 tonnellate di rifiuti, 1000 pannelli fotovoltaici e 1000 accumulatori di energia elettrica.

Trai i 69 indagati, saltano all’occhio i coinvolgimenti di due avvocati del Foro di Salerno, un dipendente del Ministero della Giustizia, e un militare della Guardia di Finanza che hanno avuto accesso ai sistemi informatici e di divulgazioni dei dati riservati in maniera illecita facendo risultare fittiziamente il rientro di merci che nel porto di Salerno, in realtà, non avevano mai transitato.

OPERAZIONE TORTUGA: I NOMI DEGLI INDAGATI

CUSTODIA CAUTELARE AI DOMICILIARI (N. 39) 

  • AMMENDOLA Eugenio (Funzionario doganale) 
  • ANGRISANI Pasquale (Funzionario doganale) 
  • ANNUNZIATA Luigi (Fitosanitario)
  • BEVILACQUA Davide (dipendente SCT)
  • CRESCENZO Orazio (Funzionario doganale)
  • DI AGOSTINO Saverio (Usmaf)
  • FIORILLO Antonio (Fitosanitario)
  • GAMBARDELLA Andrea (Funzionario doganale)
  • GIORDANO Alfonso (Funzionario doganale)
  • GIORDANO Pasquale (Funzionario doganale già capo Area verifiche e Contr.)
  • GRANATO Emiliano (Funzionario doganale capo Servizio Vigilanza Antifrode)
  • GRIMALDI Luigi (Funzionario doganale) 
  • IEROMAZZO Marco (Ausiliario doganalista)
  • LA TORRE Claudio (Funzionario doganale) 
  • LA TORRE Gianfranco (Funzionario doganale) 
  • MATTERA DANIELA (Funzionario doganale)
  • MORRONE GIOVANNI (Usmaf)
  • SANTORELLI RITA (Usmaf)
  • SOLLAZZO SERGIO (Funzionario doganale)
  • STELLA GIUSEPPE (Fitosanitario)
  • ESPOSITO CARMINE (dipendente Socofasa)
  • DI MAURO VINCENZO (Rapp. legale IASA srl)
  • IACOMINO GIOVANNI (Spedizioniere)
  • IACOMINO RAFFAELE (Ausiliario doganalista)
  • BELLOSGUARDO EMIDIO (Spedizioniere)
  • BISOGNO ANTONIO (Spedizioniere)
  • CARAVANO SALVATORE (Spedizioniere)
  • DEL PEZZO LUIGI (Spedizioniere)
  • FAUSTO CIRO (Ausiliario doganalista)
  • GRILLO VINCENZO (Spedizioniere)
  • SGUAZZO ANTONIO (Spedizioniere)
  • VECE ALFONSO (Spedizioniere) 
  • BANCE ABDOULAYE (privato)
  • BAZIE NARCISSE (privato)
  • CISSE FAYSAL (privato
  • KAGAMBEGA WENDYAM FULBERT (privato) 
  • OKIA LOUKOU DANIEL (privato) 
  • SALBRE WAHABOU (privato) 
  • SAMBARE Adama (privato) TOT. 12 Funzionari Doganali 

DIVIETO DI DIMORA NEL COMUNE DI SALERNO (N. 21) 

  • AVAGLIANO ANDREA(dipendente Socofasa) 
  • BOTTIGLIERO CLAUDIO (Spedizioniere
  • DE ROSA GIAMPAOLO(Spedizioniere)
  •  DE ROSA GIOVANNI (dipendente Socofasa)
  •  GRANOZZI ANTONIO (Spedizioniere)
  • GRILLO ALFREDO (dipendente Socofasa)
  • GRIMALDI MASSIMO (dipendente SCT)
  • IRPINO RAFFAELE (Spedizioniere)
  • PACILEO ANTONIO (Spedizioniere)
  • PARADISO VINCENZO (Spedizioniere)
  • LUONGO MICHELE (dipendente SCT)
  • MARCHETTA ALESSANDRO (Spedizioniere)
  • MARRESE MARCO (Spedizioniere)
  • PAGANO BARBARA (privato)
  • PEPE DANIELE (Spedizioniere)
  • RICCIO GUIDO (dipendente Socofasa)
  • RUOCCO PAOLO (dipendente lasa srl)
  • SAVELLI ERNESTO (Spedizioniere
  • STABILE ANIELLO (dipendente SCT) 
  • VERACE MARIO ANIELLO (Spedizioniere
  • VITIELLO ANGELO (dipendente SCT) TOT. O Funzionari Doganali 

MISURE INTERDITTIVE (N. 9) Sospensione pubblico servizio mesi 10 

  • DEL GAUDIO Aniello (impiegato presso la Procura ) 
  • AGULLI MAURIZIO (Brig. GdF in servizio al Porto)

Sospensione pubblico ufficio mesi 10 

. FASOLINO STEFANO (già Direttore ad interim Dogana Salerno) 

  • PESSOLANO FELICE (già Funzionario delegato, vice direttore Dogana Salerno) 
  • ROMANO ASSUNTA (Funzionario doganale) 
  • GUERRA CARMINE (Funzionario doganale) 
  • NARDI ANDREA (Funzionario doganale) * di Battipaglia

Sospensione della professione mesi 10 

  • MARTELLO MARCO (Avvocato) sospensione professione avvocato mesi 10 

. CORBISIERO MADDALENA (Avvocato) sospensione professione avvocato mesi 10 TOT. 5 Funzionari Doganali