Tra i progetti finanziati, sorti da beni confiscati, anche uno a Battipaglia

Il “supermercato sociale” sorgerà in via Belvedere

Più di tre milioni di euro saranno stanziati dalla Fondazione con il Sud, con la Fondazione Peppino Vismara, a sette strutture confiscate alla criminalità organizzata e che, grazie all’adesione al bando Beni Confiscati, risplenderanno di una nuova luce, quella della legalità. Le sette attività premiate sono tutte registrate nel sud Italia, e tra queste anche una a Battipaglia, in via Belvedere.

Proprio in quello stabile, sottratto alla malavita, sorgerà un progetto che da tempo Legambiente, il Consorzio “La Rada” e le onlus “Emmanuel” e “Ujamaa” avevano in cantiere: un supermercato sociale, dove chiunque si recherà a fare la spesa potrà beneficiare di sconti in base al proprio Isee. Inoltre varie aziende, che già hanno manifestato interesse verso l’iniziativa, doneranno al supermercato dei loro prodotti. Ma non finisce qui, perché all’interno del supermercato sociale che sorgerà verranno organizzate anche iniziative culturali per sensibilizzare le persone sul tema della legalità.

Vittoriosi i progetti di Campania, Calabria, Sicilia e Puglia

Gli altri sei beni confiscati che gioveranno del finanziamento del bando, giunto alla sua quarta edizione, si trovano in provincia di Caserta, in provincia di Reggio Calabria, due in provincia di Palermo e altre due in provincia di Foggia e Brindisi. Sono una villetta, che diventerà uno spazio dedicato a percorsi di sostegno alla genitorialità e aiuti a donne svantaggiate, un caffè letterario, che guarda alla scoperta e unione di più culture, un welfare lab, con servizi per le famiglie e aziende, e altri tre progetti completamente incentrati sull’agricoltura sociale bio.

In totale saranno circa cinquanta le associazioni, i volontari, le università e le istituzioni locali che contribuiranno a far rinascere questi luoghi, strappati alle organizzazioni criminali e diventati beni comuni.