Una nuova conferenza dei servizi è prevista il prossimo 29 luglio alle ore 10 presso il Parlamentino del Provveditorato Interregionale a Napoli. Si riapre il discorso concernente il nuovo commissariato di Polizia che dovrebbe sorgere in via Gonzaga.

La prima conferenza dei servizi si era svolta a settembre del 2016. La storica palazzina incompiuta di via Gonzaga, ceduta a titolo gratuito al Demanio statale, fu la zona prescelta per ospitare la sede del Commissariato di Polizia. Un’area di 375 metri quadrati passati in mano allo Stato per consentire la realizzazione dell’opera pubblica.

Una decisione che, all’epoca, fu accolta con riserva da parte di alcuni consiglieri nonostante gli uffici tecnici e l’allora assessore al Patrimonio, Stefania Vecchio, avessero dato parere positivo, vista l’inesistenza di vincoli paesaggistici.

L’idea alternativa sarebbe stata delocalizzare il nuovo commissariato in altri terreni di proprietà del Comune: quelli ereditati dall’Ersac in via Gonzaga. Questo per evitare ingorghi, vista la complessità della zona che ospita lo stadio S.Anna, la scuola F.Besta e il mercato giornaliero e il serio rischio di ingorgare l’area.

Nemmeno uno dei cavalli di battaglia di quest’amministrazione, la realizzazione di un mercato coperto proprio nei pressi dello stadio S.Anna, che potrebbe essere frenato dal sorgere del nuovo commissariato, bastò a far cambiare idea.

Stando alla documentazione trasmessa, e al progetto iniziale che prevede il collocamento del commissariato nella palazzina incompiuta di via Gonzaga, le società AQUAMET s.p.a. e SNAM RETE GAS hanno comunicato che le opere di progetto non interferiscono con impianti di proprietà della stessa.

Entrambe, però, hanno richiesto di essere informate nel caso vengano apportate modifiche o varianti al progetto iniziale al fine di poter valutare se le nuove opere interferiscano con gli esistenti gasdotti. È di oggi la decisione del Provveditorato interregionale di riaprire i lavori di Conferenza: la nuova seduta si terrà il prossimo 29 luglio alle ore 10. Dopodiché verrà presa una decisione definitiva.