Etica per il Buon Governo, il movimento civico di Cecilia Francese, traccia un bilancio limitatamente al disavanzo del Comune di Battipaglia negli ultimi 4 anni. “Il Comune ha i conti in ordine” si legge in un comunicato diffuso dal movimento.

Ci avevano lasciato un Comune in stato di “riequilibrio finanziario” e sull’orlo della bancarotta. Ci avevano lasciato un Comune che non poteva contrarre mutui per opere pubbliche, che doveva tenere le tasse al massimo e con le assunzioni bloccate. In due anni e mezzo, l’amministrazione francese, grazie alla pazienza e comprensione dei cittadini di Battipaglia, ha riportato i conti in ordine” si legge in un comunicato stampa diffuso dal movimento civico di Cecilia Francese, Etica per il Buon Governo.

Il disavanzo del Comune dal 2015 a oggi è sceso da 22 milioni di euro poco meno di 5 milioni di euro. “Questi sono i dati ufficiali – scrivono gli “etici” – che dedichiamo a tutti coloro che sono stati artefici, complici o colpevoli silenti spettatori del disastro di Battipaglia e che oggi, alla ricerca di una verginità politica che ormai non c’è più, si ergono al ruolo di giudici della amministrazione Francese“.

Poi i ringraziamenti: “Fortunatamente i Battipagliesi hanno buona memoria. Etica per il Buon Governo ringrazia la sindaca Cecilia Francese, l’amministrazione comunale ed i consiglieri di maggioranza per il lavoro svolto, e li invitiamo a proseguire con la stessa dedizione ponendosi – conclude la nota – l’obiettivo di uscire prima del 2023 dallo stato di pre – dissesto, per poter riprendere a fare investimenti, ridurre le tasse comunali e sbloccare definitivamente le assunzioni“.