Articolo estratto da “La Città” 24/06/2019

Gli ammassi di rifiuti restano in strada. Sono troppi i sacchetti che si sono accumulati lungo le vie della città. E così gli uomini della “Sud Service”, al servizio dopo l’affidamento diretto decretato dal manager di Alba, Palmerino Belardo, che ieri mattina hanno cominciato a lavorare dalla zona industriale, non sono riusciti ad ultimare il giro.

All’ex Stir di Battipaglia, però, sono stati portati ben dieci automezzi pieni zeppi di secco indifferenziato: 50 tonnellate. «500 quintali in poco più di 24 ore – dice soddisfatta la sindaca Cecilia Francesee lunedì continueremo, perché con lo Stir chiuso non sapremmo dove conferire». Poi la stoccata ad Alba: «Speriamo che il buon senso prevalga».

Domattina l’incontro con gli operai, in trincea per l’addio al contratto “Federambiente” e il passaggio a “Multiservizi”. Dopo l’affidamento diretto ai privati, il referente provinciale della Fp Cgil, Antonio Capezzuto, è tornato all’attacco. «Questa è una delle pagine più buie per il mondo del lavoro salernitano; è inaccettabile ascoltare parole di accusa verso chi, con sacrificio, in questi anni ha mantenuto Battipaglia pulita». La sua richiesta? «Il primo atto sono le dimissioni dell’amministratore unico». Intanto la rsu ha denunciato gli ultimi accadimenti all’Ispettorato del lavoro.