Prorogata l’allerta meteo di codice giallo

Previsti venti forti o molto forti nordorientali

Doveva terminare alle ore 21 di oggi, lunedì 7 ottobre, l’allerta meteo, con codice giallo, lanciata dalla Protezione Civile della Regione Campania e partita dalla mezzanotte di oggi. È invece prorogata fino alle 14 di domani, e sono previsti venti forti o molto forti nordorientali con locali raffiche su tutta la Campania e mare agitato soprattutto al largo e lungo le coste esposte.

La Protezione Civile di Battipaglia, con un post sulla propria pagina Facebook, fa sapere: «La Sala Operativa raccomanda alle autorità competenti di mantenere in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi prorogando fino alle 14 di domani anche il monitoraggio delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del mare».

I consigli della Protezione Civile sull’allerta meteo

In caso di forte vento e di burrasca, la Protezione Civile indica alla popolazione di restare al chiuso, tenersi lontano dalle zone alberate, fare attenzione alle impalcature, tendoni, gazebo e alla possibile caduta di tegole. guidare con prudenza, specialmente nei tratti stradali esposti, come all’uscita di gallerie e sui viadotti. Di mettere al riparo i vasi sul davanzale, le piante e gli ombrelloni sul palazzo, e di evitare le scogliere, i moli e i pontili, prestando particolare attenzione sulle litoranee.

In caso invece di temporali e fulmini, è consiglio della Protezione Civile quello di restare al chiuso e tenersi a distanza da porte, finestre e pareti, di non usare il telefono fisso e gli apparecchi collegati alla rete elettrica o all’antenna tv, di non utilizzare rubinetti e la doccia, siccome acqua e metallo sono conduttori di elettricità. È importante inoltre non avvicinarsi ad alberi, pali, tralicci e ombrelloni, potrebbero attirare fulmini, e non toccare oggetti o strutture in metallo, come biciclette, recinzioni, antenne e tende da campeggio. Allontanarsi da spiagge, corsi d’acqua e dal bordo di piscina, e scendere di quota in caso ci si trovi su una montagna.