Il cambio di contratto da Federambiente a Multiservizi è un’ipotesi ormai superata. È quanto emerge a seguito del tavolo tenutosi ieri nella sala Giunta del Comune di Battipaglia. Il prossimo 12 luglio le organizzazioni sindacali consegneranno una relazione sulla riorganizzazione aziendale che sarà poi sottoposta al vaglio degli organismi di controllo e del consiglio comunale.

Alba: tramonta l’ipotesi di un cambio contrattuale. È quanto emerge a seguito del tavolo tenutosi ieri pomeriggio nella sala Giunta del Comune di Battipaglia. Le organizzazioni sindacali, presenti ieri a Palazzo di Città, hanno evidenziato come alcuni calcoli contenuti nella relazione del dottor Pozzoli non siano fondati.

PENSIONAMENTI

I pensionamenti non sono quelli ipotizzati, ed è su questo punto che i sindacalisti hanno cercato di spingere: sarebbero, infatti, circa il doppio. Uno scenario che cambia l’impianto economico. Sia l’amministrazione, che la società, sembrerebbero aver capito questo aspetto. «Il contratto multiservizi sarebbe un autogol – spiega Erasmo Venosi – poiché il nostro tipo di contratto prevede un livello economicamente sostenibile. Non ci sarebbe nessun aumento dei costi».

Un eventuale cambio di contratto, inoltre, trascinerebbe la società nel vortice delle vertenze giudiziarie. Si finirebbe al Tar o al Consiglio di Stato con una vittoria da parte dei sindacati.

12 LUGLIO: IL PROSSIMO STEP PER ALBA

Il 12 luglio è la data del prossimo step sulla vicenda Alba. Le organizzazioni sindacali, unitariamente, al termine del tavolo di ieri hanno dichiarato la disponibilità a consegnare una proposta in cui si evincano i risparmi di spesa proveniente dalla riorganizzazione aziendale e dalla progressiva riduzione del costo del personale per effetto dei pensionamenti.

L’amministrazione si è mostrata disponibile a vagliare la proposta sottoponendola agli organismi di controllo e al consiglio comunale, al fine di revocare i provvedimenti intrapresi inizialmente.

Anche i lavoratori, fanno sapere i sindacati, hanno dato massima disponibilità a collaborare con le cooperative che si stanno occupando temporaneamente della raccolta dei rifiuti, a patto che ci sia un’unica regia (quella di Alba) per tornare a fornire un servizio efficace e garantire la pulizia della città.