È stato completato e collaudato l’intervento di sostituzione del sistema di grigliatura grossolana e fine presso l’impianto di depurazione cittadino di Tavernola che così ritorna a funzionare a pieno regime.

DEPURATORE DI TAVERNOLA, RIPRISTINATO L’IMPIANTO

Il sistema di grigliatura precedente era fuori servizio a causa di eventi meteorici eccezionali che avevano causato la rottura sia della griglia meccanica che del rotostaccio a tamburo.

Dopo il guasto, registrato nell’autunno 2018, era intervenuto immediatamente in prima battuta direttamente il Comune di Battipaglia noleggiando presso la ECOMAC srl, azienda leader nel settore, uno specifico impianto mobile di grigliatura che ha consentito il funzionamento dell’impianto di depurazione.

La ASIS spa (l’azienda per la fornitura idrica commissionata per i lavori) e la ECOMAC srl hanno, nei giorni scorsi, completato e collaudato l’intervento di sostituzione definitiva che vede oggi l’installazione di una griglia oleodinamica per la grigliatura grossolana con sistema di rilevamento elettronico della portata in ingresso, che proteggerà in futuro l’impianto rispetto ai picchi di portata in occasione di eventi meteorici eccezionali, e l’installazione a valle di una più solida griglia a tamburo per la grigliatura fine.

L’impianto ad oggi funziona trattando la portata nominale di collaudo. Il Comune, nel settembre 2018, aveva redatto – in accordo con il gestore dell’impianto – un apposito progetto per un investimento di mezzo milione di euro, richiedendo un finanziamento alla Regione Campania (Delibera Giunta Comunale N.183 del 27/09/2018).

La ASIS spa, infine, si è fatta carico di acquistare una centrifuga per la disidratazione dei fanghi prodotti che verrà installata nelle prossime settimane onde pervenire ad una più efficiente gestione operativa degli stessi.

Un’opera, il depuratore di Tavernola, costata 3 milioni di euro all’epoca, e che avrebbe dovuto risolvere il problema dell’inquinamento delle acque a Battipaglia il cui litorale, però, ad oggi non è ancora balneabile per circa metà del tratto. L’anno scorso il problema non fu risolto come annunciato dall’amministrazione, vedremo se, con questo nuovo ripristino, la situazione cambierà.